Study of two girls.....

Study of two girls.....
Francois Boucher

lunedì 11 ottobre 2010


Lo sapevate che:

ODE ALLA VITA

Lentamente muore
chi diventa schiavo dell'abitudine,
ripetendo ogni giorno gli stessi percorsi,
chi non cambia la marcia,
chi non rischia e cambia colore dei vestiti,
chi non parla a chi non conosce.

Muore lentamente chi evita una passione,
chi preferisce il nero sul bianco
e i puntini sulle "i"
piuttosto che un insieme di emozioni,
proprio quelle che fanno brillare gli occhi,
quelle che fanno di uno sbadiglio un sorriso,
quelle che fanno battere il cuore
davanti all'errore e ai sentimenti.

Lentamente muore
chi non capovolge il tavolo,
chi è infelice sul lavoro,
chi non rischia la certezza per l'incertezza
per inseguire un sogno,
chi non si permette
almeno una volta nella vita
di fuggire ai consigli sensati.

Lentamente muore chi non viaggia,
chi non legge,
chi non ascolta musica,
chi non trova grazia in se stesso.

Muore lentamente
chi distrugge l'amor proprio,
chi non si lascia aiutare,
chi passa i giorni a lamentarsi
della propria sfortuna
o della pioggia incessante.
Lentamente muore
chi abbandona un progetto prima di iniziarlo,
chi non fa domande sugli argomenti che non conosce,
chi non risponde quando gli chiedono qualcosa che conosce.

Evitiamo la morte a piccole dosi,
ricordando sempre che essere vivo
richiede uno sforzo di gran lunga maggiore
del semplice fatto di respirare.

Soltanto l'ardente pazienza
porterà al raggiungimento
di una splendida felicità.


non è affatto di Pablo Neruda ma è di Martha Medeiros, giornalista e scrittrice brasiliana nata nel 1961.
La bufala gira da anni su Internet e solo pochissimi siti segnalano l’errore.
Ma la cosa più divertente e, al contempo, tragica (per il nostro paese) è che Clemente Mastella lesse questa poesia, credendola di Neruda, il giorno in cui, il 24 Gennaio 2008, fece cadere il governo Prodi.
Ma che voleva dire?
Che lui era l’unico ad essere vivo?
Che lui era l’unico ad avere un’anima?
Che tutti gli altri si limitavano a vivacchiare mentre lui, col piglio del grande condottiero, veleggiava a gonfie vele verso l’epos?
Credo che i fatti ci abbiano dato la risposta.
Ma ce l’avete anche voi la sensazione che la Storia non abbia più diritto di essere scritta con la S maiuscola, essendosi ridotta ad un fumetto di serie Z?
E chi potrebbe essere stato a detronizzarla?
Chissà perché mi viene subito in mente un nome.
E questo nome è quello di un uomo che ha fatto erigere per se stesso e per la sua famiglia e pare anche per molti suoi amici un imponente monumento funebre in stile egizio-milanese.
Poveretto, però, poiché l’imponenza del monumento è inversamente proporzionale alla sua grandezza (sia fisica che morale).
Per quanto riguarda “Ode alla vita” credo proprio che Pablo Neruda si sia sbellicato dalle risate sentendo Clemente Mastella leggere, con grande afflato, quella poesia credendola sua.

1 commento :

  1. Già, fuggire i consigli sensati, fuggire...

    RispondiElimina