Study of two girls.....

Study of two girls.....
Francois Boucher

domenica 22 maggio 2011

ER SOR PIETRO CACCIATORE Parte Seconda

...e la riunione de tutti quanti ar bare de la stazione , er rumore dei fucili , i cani che abbajaveno...
Una vorta ce ne andammo appunto verso er mare, che' cominciava er passo delli storni: ce caricammo tutti sulla vecchia Austin A 40 de mi zio l'abbruzzese,
 che poi era der Molise, ma nun me ricordo se già c'era er Molise che l'hanno fatta dopo la regione, comunque zio lo chiamaveno Abbruzzese, e sicuramente de carattere lo era, tosto e cocciuto, puro ar mare non ze levava mai la cannottiera , che poi ar mare me lo ricordo na' vorta sola, insieme a mi nonna vestita de nero, cor fazzoletto in testa, legato a quattro capi come un muratore...
Traversassimo Roma ancora mezzo addormentata, solo quarche cammion che annava ai Mercati  Generali, i trammve che uscivano dar deposito dell''Ostiense,subito dietro la Pirammide.
C'ereno puro l'artro mi zio Adolfo, cor fucile novo, automatico, 5 corpi uno dietro l'artro senza ricaricà, manco dovessimo annà in Vietnamme, c'era er sor Pietro cacciatore cor fuciletto,  i cani no, quella matina non me sembra non ce fossero,  e pe' fortuna !
La giornata se presentava afosa, verso Ostia la luce tremolava nella nebbia,  già sudavamo tutti, de più mi zio abbruzzese che se vestiva sempre come se dovesse annà in montagna, er sole scintillava sulle canne brunite dei fucili, er sor Pietro cacciatore faticava, era già sulla settantina, forse più, poi in pensione s'era ingrassato, la giacca de fustagno, sempre quella, je stava stretta, la cartuccera je striggneva, io, che facevo avanti e indietro come er cane segugio, lo vedevo arrancà e me veniva da ride, poi inprovvisamente s'arzò no stormo immenso d'ucelli, li storni! li storni! li storni!
 S'arzò na sarva de fucileria, che pareva Gianichelo a  mezz'ora,  io me buttai per tera pe sarvamme dalla pioggia de pallini e... vidi, ancora ciò la scena davanti l' occhi, vidi Er Sor Pietro Cacciatore come trasfigurasse, girasse de scatto, arzà er fuciletto, al rallentatore in  un firme de cowboi, manco prenne la mira, co' quella mano monca che se ritrovava preme er grilletto, ricaricà, preme er grilletto...
Li storni cadeveno giù a mazzi, solo er sor Pietro ne prese sei o sette, poi disse, tornando a quanno era giovane, e guardacaccia, e guardaccia reale pe' ggiunta: " Fermi tutti, uno è ferito! L'ho corto , ma è ferito! L'ho dovessimo trovà, che l'ho ferito io ,nzè lascia n'animale ch'hai corpito...è na regola d'onore, er zuo, e er mio, cià diritto de morì bbene l'animale , nun nzè lascia ferito, nzè lascia".
Dovete da sapè che avevamo appena messo piede su un maggese , tereno arato de fresco, incorto, n'incubo de sorchi de tera porverosa, era quasi mezzogiorno, er sole non era arto, peggio! e quer cazzo de storno ferito dar compare, s'era infilato lì da quarche parte, e lo dovevamo trovà, non c'era santi!
Er sor Pietro, chinato a quattro zampe, esaminava le tracce dell'uccelletto : " na' piuma, er sangue..., forse de qua, de là, artro sangue,ancora piume , mò lo trovamo, daje!"
Doppo mezz'ora de sti giri vani, io e li mi zii lo lasciammo a cercà da solo n'uccelletto granne un frego, drentro an campo arato vasto come Piazza San Pietro...
 Eppure sento in fonno che c'iaveva ragione, er sor Pietro Cacciatore: ner bene, ner male, la responzabilità era sua si allo storno quer giorno jera annata male, si invece de volà arto ner cielo, je toccava nisconnese ner grano...
Comunque, lo trovò arfine, lo storno, lo trovò ferito; e se guardaveno, l'ucello e er cacciatore , se guardaveno strano: l'ucelleto pareva dì, allora? su, fatte omo, m'hai conciato , è tuo diritto, è tuo dovere, me voi lascià così? cor piombo tuo na' panza, n'ala sfranta, che campo a fà, forza, te tocca...
E Pietro non se tirò indietro, co' tenerezza immensa sbattè du vorte l'uceletto a terra, lo guardò ancora, lo mise nel carniere inzieme all'artri, però, però... quello era strano, era diverso, era...Dio me perdoni..., Umano.

Nessun commento :

Posta un commento