Study of two girls.....

Study of two girls.....
Francois Boucher

sabato 21 maggio 2011

Er Sor Pietro "Cacciatore"

Lo chiamaveno er Sor Pietro  cacciatore pe' distinguello da mi' nonno, che era propiamente Er Sor Pietro, primo barbiere de via delle Fornaci, accosta ar Vaticano.
Era stato guardiacaccia del Re in tutte le tenute del Regno, quanno li Re ammazzeveno cervi, orsi, cinghiali, puranco lupi e se faceveno le foto co' le prede sotto lli piedi pe dimostrà al popolo bue quanto ereno bravi a sparà, mica cazzi...
Mò stava in pensione e je toccava annà a sparà alle quaje verso Ostia, dove ancora la città non s'era magnata tutta la campagna.
Je mancheveno du' dita de a mano destra perchè s'era sempre voluto fabbricà 'e cartucce da solo, cor bilancino e la polvere da sparo, er carcaborre, li pallini , l'inneschi della Fiocchi.
Na vorta, na vorta sola s'era sbajato, se vede, e er fucile j'era scoppiato tra le mani, staccanoje le dita. Quer giorno ner quartiere non se parlava d 'artro " Er Sor Pietro? Mortacci! Ma chi? er cacciatore! jò dicevo io de stasse attento..."
.Quanno o riportarono dar Santo Spirito, stavamo tutti davanti ar portone de casa sua: ce salutò co la mano fasciata e nzaguinata, con un gesto lento e solenne che sembrava er Papa che benediceva; noi rimanemmo in attonito silenzio, quarcheduno se mise puro ginocchioni.
Appena se rimise, se comprò un fuciletto più leggero , pe' potello manovrà co' quella mano monca, e se rimise a fasse le cartucce da solo, che diceva d'avè capito ndò s'era sbajato; però mi zio, che annava da sempre a caccia co' lui, da quer giorno le cartucce s'e comprava all'armeria de Borgo; tanto pe stà sicuri...diceva.
Annà a caccia me piaceva, ero solo un rigazzino e nun potevo sparà, però già arzasse presto la matina, quanno tutti a casa dormiveno, infilasse gli scarponi che m'aveva comprato mi zio a Porta Portese, escì zitto zitto nell'aria fredda dell'alba in arrivo.. ( continua)




Nessun commento :

Posta un commento