Study of two girls.....

Study of two girls.....
Francois Boucher

domenica 30 agosto 2015

Bleecker Street, Summer by Derek Walcott : The Poetry Foundation, trad. A. Panciroli

                      Bleecker Street, Summer by Derek Walcott : The Poetry Foundation


Summer for prose and lemons, for nakedness and languor,
for the eternal idleness of the imagined return,
for rare flutes and bare feet, and the August bedroom
of tangled sheets and the Sunday salt, ah violin!



Estate per  prosa e limoni, per nudità e languore,
per l'eterna pigrizia dell' immaginato ritorno,
per flauti rari ed i piedi scalzi, e in agosto la stanza da letto
di lenzuola stropicciate e di sale della domenica, ah violino!

Quando spremo i tramonti estivi,  è un mese
di fisarmoniche di strada e irrigatori che
bagnano la polvere, piccole ombre che si allontanano.

E' l'inizio e la fine della musica, Italia mia, su Bleecker,
ciao, Antonio,  e le grida d'acqua dei bambini
stracciano  il cielo colorato di rosa in ruscelli di carta;
è il crepuscolo nelle narici e nell'odore dell'acqua
lungo strade piene di rifiuti che non portano acqua
ed in mente un raduno di isole e limoni.

E questo è l'Hudson, come un mare ardente.
Ti spoglierei  nella torrida estate
e riderei e asciugherei la tua carne bagnata se mai verrai.



Ma vedi anche la traduzione. di Matteo Cioli:

L’estate per la prosa e i limoni, per la nudità e il languore,
per l’eterna indolenza del ritorno immaginato,
per i rari flauti e i piedi scalzi, e la stanza da letto in agosto
dalle lenzuola arruffate e il sale della domenica, ah violini!

‘Quando premo i crepuscoli estivi insieme, è
un mese di fisarmoniche di strada e spruzzatori
che adagiano la polvere, piccole ombre che fuggono da me.


E’ musica che si apre e si chiude, Italia mia, su Bleecker,
ciao, Antonio, e le grida d’acqua dei bambini
che strappano il cielo rosa in rivoli di carta;
è il crepuscolo nelle narici e nell’odore dell’acqua
lungo strade imbrattate che non ti portano all’acqua,
e isole e limoni raccolti nella mente.

‘Laggiù c’è l’Hudson, in fiamme come il mare.
Ti spoglierei nell’afa estiva, e riderei e asciugherei
la tua pelle bagnata se mi venissi a trovare.



*



Nessun commento :

Posta un commento