Study of two girls.....

Study of two girls.....
Francois Boucher

sabato 25 giugno 2016

ESTER BARLESSI, La mia città



LA MIA CITTA'



















La mia città xe Pola
rica solo de storia
che come Roma
la ga el vanto e gloria
de gaver sete coli
e proprio nel bel mezo
anche ela ga la Rena
de bela piera bianca,
piera istriana,
che dopo tanti ani
se pol amirar ancora
in palassi venessiani.

Le case digradando
le se nega quasi in mar
che ga el color de Stoia,
Fischerckiiter e Sacorgiana
e le viole soto i pini
ga l'odor de bosco Siana

La domina dall'alto
el castel de Castropola
caressando i monumenti,
i resti romani,
la cesa bizantina
e i balconi venessiani

In un canto dell'Inferno
la xe stada imortalada
e anche dopo Dante
altri la ga lodada,
perchè qua in fin xe nati
artisti e anche sienziati.

Per le sue  contrade
ga marcià stivai foresti
perchè in tanti i la ga avuda,
grampada
e persa
e contesa
e odiada...
Sempre voluda
e sempre poco amada.
Ma xe questo el destin
de le tere de confin
do' che bagnai  de lagrime
cressi come fiori,
esodi e dolori-
Solo i sui fioi veri
i se l porta in cuor
con teneressa e amor.

E questa carelada
la finissi de un rato
che porta a Monte Giro
do' che la nostra gente
va a riposar per sempre,
là che portà dal vento
riva l'odor del mar!




Ester Sardoz Barlessi e' nata a Pola nel 1936 ed e' uno degli autoripiu' significativi tra quelli che, all 'interno della letteratura degli Italiani dell Istria, del Quarnero e della Dalmazia, coprono l 'area della memoria. La sua scrittura piace in virtu' di quella vena estrosa, ironica e pregna di emozioni impostata sui temi della sua terra- l Istria- e degli affetti. Con le sue liriche in italiano e in dialetto istroveneto si e' affermata a vari concorsi. 




2 commenti :