Study of two girls.....

Study of two girls.....
Francois Boucher

sabato 2 ottobre 2010

Roberto Calasso, Le nozze di Cadmo e Armonia: Aura e Dioniso

 Aura, una fanciulla delle montagne, alta, dalle braccia asciutte, dalle gambe rapide come un soffio di vento. Si batteva solo con cinghiali e leoni, disdegnava come preda gli animali più deboli. la verginità e la forza voleva, nient'altro...
Soltanto una volta Dioniso aveva provato l'emozione di tovarsi avvinghiato nella polvere con una donna che desiderava, senza neppure riuscire a sopraffarla,Pallene.  Sentì nostalgia  di un corpo imprendibile.
 Scomparve da solo fa le montagne. Continuava a fantasticare di una donna forte e sfuggente, capace di colpirlo non meno di quanto egli stesso fosse capace di colpire lei. Maturava il momento perchè Eros lo facesse delirare per un corpo ancora più imprendibile. Dioniso avvertiva in rapide folate che in quei boschi si nascondeva una donna ancora più bella e ostile della lottatrice Pallene:  Aura.
 E sapeva già che lo avrebbe fuggito, che non si sarebbe arresa mai.
... Acquattato dietro un cespuglio, intravide una coscia bianca di  Aura irrompere nel cupo fogliame. I cani intorno guaivano. Dioniso si sentì allora sciogliere come una donna. Mai si era visto così disarmato, parlare a quella fanciulla gli sembrava vano come parlare ad una quercia. Ma un Amadriade, che abitava nelle radici di un pino, gli dette la risposta che cercava: mai si sarebbe trovato con   Aura in un letto. Soltanto nella foresta, e legandole mani e piedi, sarebbe riuscito a possederla.
...Incombeva ancor auna grande calura, e  Aura cercava una fonte. Dioniso pensò che di tutte le sue armi una sola rimaneva: il vino. Quando Aura avvicinò le labbra alla fonte, fu bagnata da un liquido sconosciuto. Mai aveva provto qualcosa di simile. Stupefatta e torpida, si stese all' ombra di un vasto albero. Ora dormiva. Scalzo, silenzioso, Dioniso si avvicinò. Le sfilò subito la faretra e l' arco, nascondendoli dietro un masso... le sue mani accorte legavano con una corda i piedi di Aura. poi le passò un' altra corda intorno ai polsi: Aura dormiva ancora, in una tiepida ebbrezza, e Dioniso la possedette legata. Era un corpo abbandonato, assopito sulla terra nuda, ma la terra stessa ondeggiava per celebrare le nozze, e la chioma del pino era scossa dall' Amadriade. Mentre Dioniso prendeva sul corpo di Aura un piacere immenso, esaltato dalla viltà, la cacciatrice si addentrava in un sogno torbido...

2 commenti :

  1. Iago, bellissima storia. Ma perchè, alla fine, gli uomini devono sempre vincere?
    Ipaz

    RispondiElimina
  2. In realtà tutto era stato organizzato da Artemide , criticata ed offesa da Aura.
    Come vedi, se cerchi bene trovi sempre una donna ...
    Ciao Ale

    RispondiElimina