Study of two girls.....

Study of two girls.....
Francois Boucher

sabato 31 marzo 2018

IDA VALLERUGO, Neif, Neve, da lei stessa tradotta






credere ancora in quella cosa  

seppellita che si chiama poesia.  




Ida Vallerugo
foto Danilo de Marco


Ida Vallerugo

Neif

Cuièt dormitôri vissìn al nuia.
Un louc, il mont
a sirvìssin encja par lassâlu.


Ma tu, muârta, i tu mi custrinç
a cuntinuâ a rompi l’infièr
cun una sapa di vêri
e una tromba baroca
e lostès crôdi, crôdi


crôdi encja, unmò, in chê roba
sipilîda c’a si clama puisîa.
Par te i tôrni a scrîvi in mai
una puisîa su la neif
c’a splanarà prèst i liniamìns
di Midun, dal mont,
la lôur memoria dôlcja selvàdia.
Scôlta, a cumincja cussì


la neif
i siô vuès di lûs, la fôrma perfeta, la fuarcja splendour
la neif à soul i nêstri vôi
par vêdissi.




Neve

Quieto dormitorio accanto al nulla.  
Un luogo, il mondo 
 servono anche per uscirne. 

Ma tu, morta, mi costringi  
a continuare a rompere l’inferno 
con una zappa di vetro 
e una tromba barocca  
e tuttavia credere, credere 

 credere ancora in quella cosa  
seppellita che si chiama poesia.  
Per te io torno a scrivere in maggio 
 una poesia sulla neve  
che spianerà presto i lineamenti 
di Meduno, del mondo, 
 la loro memoria dolce selvaggia.  
Ascolta, comincia così 

 la neve  
le sue ossa di luce, la forma perfetta, la forza splendore 
la neve ha solo i nostri occhi  
per vedersi.



da Maa Onda, presentazione di Andreina Nicoloso Ciceri, I quaderni del Menocchio, 2, Circolo Culturale Menocchio, Montereale Valcellina (PN), 1997, s.i.p

venerdì 30 marzo 2018

Primavera 1938

Risultati immagini per brecht disegno


Primavera 1938

Oggi, domenica di Pasqua, presto

un'improvvisa tempesta di neve

si è abbattuta sull'isola.

Tra i cespugli verdeggianti c'era neve.  Il mio ragazzo

mi ha portato verso un piccolo albicocco attaccato alla casa

strappandomi ad un verso in cui puntavo il dito contro coloro

che stanno preparando una guerra che

può cancellare

il continente, quest'isola, il mio popolo,

la mia famiglia e me stesso. In silenzio

abbiamo messo un sacco

sopra all'albero tremante di freddo.

Bertold Brecht

domenica 18 marzo 2018

FEDERICO TAVAN, Se fos normal









SE FOS NORMÀL



Se fos normàl
‘e audarés al vint
à scrive poesies
sui tiò cjavei.

Descolz
su l'aga de Andréis
in cercja de la sorgent.

E a la sera
ciocs de luna
cencja mai stufàssa
de gosà al nostre amour.

E pò sui arbi
in cercja de nitz,
sui lavres un vier.

Se fos normàl
e sunarés
dute’ li cjampanes.

E po’ via
pa’ chi pràtz
a deventà
flours
às
e
la meil.



Se fossi normale 
aiuterei il vento 
a scrivere poesie 
sui tuoi capelli. 

Scalzo 
nell'acqua di Andreis 
in cerca della sorgente. 

E alla sera, 
ubriachi di luna, 
senza mai stancarsi 
di gridare il nostro amore. 

E poi sugli alberi 
in cerca di nidi, 
sulle labbra un verme.

Se fossi normale 
suonerei 
tutte le campane. 

E poi via 
per i prati
a diventare 
fiori, 
api 
e miele.

sabato 10 marzo 2018

LEO ZANIER, Dulà sono lâts?, Dove sono andati?






LEO ZANIER



                                                         Dulà sono lâts?



ogni volta ch’a si torna

tor ator dai paîs

an d’è simpi un prât in plui

che d’estât no lu siean



e chel spropȏsit di urtias

chês gigudas como sterps

chei mârs di lavaz e di lescjas

chei peçuts fauts rovuluts

no scjafojâts ch’a ju forìn

o che bielzà son cressuts

a fan pôra



ca e là cualchidun al siea

e da un dalgò dal mont

al torna a tegnî net

o al fâs sieâ par telefono

ch’a “no pâr bon”

o par via dai turiscj

– che cumò jur vin fat puest

tas nestas vecjas cjasas vueitas

e in cualchi stâli metûts in sest

da anorums cença vacjas –

o par via dai madracs

e di ogni sorta di piatulas

dal bosc ch’al rivares tal ort

e magari ta cort

ma dopo i cavopi dal fen riguet

– no savìnt inmò di lȏr ce fâ –

a ju brusan


Dove sono andati?

 ogni volta che si ritorna / tutto attorno ai paesi / c’è sempre un prato in più / che d’estate non sfalciano / e quelle ortiche enormi / quelle cicute come sterpi / quei mari di rabarbari e di erba inselvatichita / quei piccoli abeti e faggi e querce / non soffocati che li forano / o son già cresciuti / fan paura / certo qua e là qualcuno sfalcia / o da un qualche luogo del mondo / torna per tenere pulito / o fa sfalciare per telefono / ché “non sta bene” / o perché ci sono i turisti / – a cui ora abbiamo fatto posto / nelle nostre vecchie case vuote / e in alcune stalle ristrutturate / da anni e anni senza vacche – / o per tener lontani i serpenti / e tutte le specie di zecche / per impedire che il bosco arrivi nell’orto / o addirittura nel cortile / ma dopo i mucchi di fieno raccolto! – non sapendo ancora che farne – li bruciano

giovedì 8 marzo 2018

Va bene, la traduco


Risultati immagini per traduzione


Mr. War

Romba dalle stanze del potere
Irride, sferraglia, indietreggia,
Graffia, sferraglia, inzacchera
Corre con rumore di tuono

Respinge dal sopra al sotto
Attende che verità giunga
Vuol che tu dubbi non abbia
Ti fa cenni affinché tutto valga

Ma un custode ci abbisogna
Che vaghi tra ombre e rughe
Che non sappia la differenza?

No diciamo noi in risposta
Sentendo come sol guide
Strade e vie della coscienza.

Poesia di Ipazia