Study of two girls.....

Study of two girls.....
Francois Boucher

sabato 26 febbraio 2011

Quello che l' amore causa ai poeti, E. Zaidenwerg, traduzione A. Bisonni, Arr. poetico A. Pancirolli


Quello che l' amore causa ai poeti 
non è tragico: è atroce. Una triste
rovina tocca ai poeti che l' amore cattura,
poco importa il loro orientamento o identità
poetica. L' amore porta al totale disastro
della uniformità i poeti gay,
i poeti  pansessuali e bisestili  (1)
le poetesse e poetrici, ipocrite o sincere.
e quelli ossessionati dal genere
e ugualmente i degenerati, ed i perversi polimorfi:
ed anche i feticisti dei piedi
del verso si arrendono di fronte all' amore
che non distingue tra ideologia,
poetica e programmi. Ai profeti della torre d' avorio
getta a capofitto dal loro attico eburneo. Agli apostoli
del Zeitgeist, che proclamano senza vergogna che la lirica è morta,
permette di  perseverare nell' errore
e nelle loro prolisse tirate. Causa una emorragia palatale
a coloro che piegano casti aforismi diagonali,
agli ermetici di latta, a coloro che riempiono
di vuoto i loro versi, ai falsari del silenzio,
e a coloro che traducono  haiku castigliani
all' italico modo.  Ai puristi della voce  recide
il loro dolce lamentare, e ai maniaci del ritmo
taglia le falangi, e storpia
l' intimo metronomo che portano vicino al cuore 
e marca il ritmo dei loro versi.  Resuscita
i ciechi, gli sfortunati e tutti gli altri
insofferenti e ribelli senza motivo o causa
poetica, e  cura il disordine ragionato
di tutti i sentimenti. Sommuove dalla notte oscura
coloro che  chiedono luce per la poesia
nelle caverne del sentimento , e li  restituisce senza soste
alla notte fonda della carne letterale. Ciò che  l' amore
fa ai poeti,  con pazienza e gentilezza,
mentre le farfalle lentamente ne rodono lo stomaco
ed il pancreas poco a poco smette di funzionare,
è alquanto fastidioso. A quelli che cercano con impegno
e precisione da chirurghi  l'esattezza nella parola
rovina il polso,  ed invece di darle vita, nel suo sforzo la distrugge.
E a coloro che con ardore e devozione perseguono
l' assoluto nella poesia, come un Graal 
tutto di luce, tesa, diafana e febbrile,
annebbia le certezze e lo stesso desiderio
di placare l' ansia. Ciò che inavvertitamente,
l'amore fa ai poeti, mentre  beati si ingozzano di pernici, è acuto,terminale,
fulminante. E' un torrente travolgente
di prosa, che stimola e moltiplica, con progressione esponenziale,
i bifolchi e gli imbecilli della poesia:
quelli che senza ragione tagliano i propri versi modesti;
i cavalieri compulsivi;
i disegnatori tipografici del verso,
coloro che spezzano la sintassi senza saperla
trasformare; coloro che  scavano l'etere alla scoperta di inauditi                                                                            inascoltabili  neologismi;    
i moderni senza scuse; coloro che credono di scoprire
fuochi artificiali nei propri versi balbuzienti;
i contestatori automatici, i porno poeti;
coloro che spargono grandi nomi per le fronde
dense delle proprie poesie,  come Hansel e Gretel  lasciavano
briciole;coloro che impostano nella loro voce
vuota i dispiaceri di una lobotomizzata infanzia;
i poeti belli e felici, capricciosi;
le tribù urbane e le groupie della poesia pubescente;
i poeti pop e le rock-star del verso; i videopoeti ed i performers;
gli ufo-poeti, in volo o rasoterra, identificati;
gli oggettivisti senza oggetto
nè sguardo; coloro che pretendono che la poesia
si vesta da mendicante; i filosofi poeti;
e i cultori convinti della "prosa poetica": L'amore,
che muove il sole e gli altri poeti,
li porta fino all'estremo parossismo; li trasforma
in terra, in fumo, in ombra, in polvere, eccetera;
in polvere innamorata.
E se pure risulta che tra loro
si amano amorosi i poeti pari,
felici nel proprio amore solare senza scansione,
come se fossero fatti davvero l' uno per l'altro,
un buco nero di opinioni nebulose,
taciti colpetti sulla schiena e commenti al loro passaggio,
stelle nane che, raffreddandosi, si assorbono tra di loro
e scompaiono. *




Blogger zaidenwerg said...
Lo de "enanos enfriándose" tiene que ver con la cita anterior de Dante ("amor / que mueve al sol y a los demás poetas"), porque las enanas blancas son estrellas del tipo del sol que ya no producen energía, y que están condenadas a enfriarse lentamente hasta desaparecer.
 

2 commenti :